Crisi: è deflazione anche sulla tavola, consumi restano giù nel 2014


La Cia in merito ai dati sui prezzi al consumo diffusi dall’Istat: dall’inizio della crisi gli acquisti di cibo e bevande sono crollati del 13% circa. Solo nel primo semestre dell’anno i consumi alimentari sono scesi di un ulteriore 1,4%, con cali più marcati per latte e derivati (-4,6%), uova (-3,4%) e anche acqua minerale (-2,4%).

E’ deflazione in Italia anche sulla tavola, con i prezzi dei beni alimentari in calo dello 0,2% annuo e crolli veri e propri per frutta (-7,8%) e verdura fresca (-3,4%). Un quadro che riflette la debolezza persistente della domanda interna, con i consumi in caduta libera e una contrazione della spesa per il cibo che ormai va avanti da 13 trimestri consecutivi. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, in merito ai dati Istat diffusi oggi.

Dall’inizio della crisi, un italiano su due (54%) è passato a prodotti più economici nel carrello alimentare, con una caduta degli acquisti per la tavola del 13% circa in sei anni – osserva la Cia -. Le famiglie tagliano il superfluo ma anche lo spreco, approfittano di sconti e promozioni che oggi riguardano un terzo dei prodotti sugli scaffali e soprattutto ricorrono ai discount il doppio delle volte ma per comprare la metà dei tempi pre-crisi.

La conseguenza è che, anche nel primo semestre 2014, nonostante la flessione dei prezzi al dettaglio, lo scontrino alimentare degli italiani si è ulteriormente accorciato dell’1,4 per cento – evidenzia la Cia – con una riduzione più marcata soprattutto per latte e formaggi (-4,6%); uova (-3,4%); ortofrutta (-1,3%); acqua minerale (-2,4%).

Annunci

Informazioni su giuseppe COCCO - ArchiStoryteller Multimediale 2.0

Fotografo Architetto Documentarista Geografico dal 1977, ArchiStoryteller Multimediale 2.0 dall'avvento di internet; narro l'Italia minore con la M maiuscola, con attenzione particolare alle periferie e al Sud periferia d'Italia: identità territoriali materiali e immateriali, genius loci, che ne fanno un grande unico giardino emozionale diffuso; Architetture e Paesaggi Sensibili - urbani, antropici, agricoli, rurali -. Realizzo narrazioni fotografiche e video, diffuse sui miei blog - giuseppecocco, penisolabella, periferiealcentro - in maniera virale, sui Social Network. Collaboro anche con altri siti. Artista, filosofo, sociologo; ascetico, meditativo, contemplativo, visionario, lento, calmo e paziente per nascita e per scelta, vivo viaggio lavoro praticando l'ozio creativo e le pause estatiche estetiche; contemplo, medito, abbandonando il frastuono delle parole, raccontando con la forza narrativa ed evocativa delle immagini. Mi muovo a piedi, con uso di pipa, macchina fotografica al collo, computer online, Il mio progetto, etico ed estetico, politico, militante e di cittadinanza attiva è NE' RICCO NE' FAMOSO MA SOLO UTILE E FELICE di mostrare ciò che altri non vedono, come proposta per migliorare, con la consapevolezza, la percezione e l'estetica del quotidiano, la vita, il mondo. Docente di Fotografia Digitale e Storia della Fotografia presso le Libere Accademie di Belle Arti di Roma ed Aleppo Premio "Leader del Turismo" 1985 per la collaborazione in qualità di fotografo e picture editor con la rivista "Viaggio in Italia" Premio per l'ambiente "Gianfranco Merli" 2012 per l'impegno fotografico nei confronti dell'ambiente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: