La Sardegna e i suoi sapori


Pecorino sardo

Prodotti che spaziano dalla carne al pesce, dai formaggi alla pasta fatta in casa, dai vini ai liquori sono solo alcuni dei beni tipici di quest’isola.

La Sardegna mantiene le caratteristiche della sua insularità anche e soprattutto nelle sue produzioni gastronomiche e vitivinicole, legate ad un lontano passato che via via sta scomparendo quello dell’agro-pastorale.La cultura culinaria sarda è semplice ed originale allo stesso tempo, cosi particolare e diversificata grazie ai contatti e ai rapporti esterni con culture, popoli e tradizioni diverse all’interno del mediterraneo. Alla base di questa cucina c’è una mancanza di pietanze altamente elaborate e raffinate, schiettezza e genuinità nei sapori e negli odori con naturalezza e freschezza in tutti i prodotti utilizzati.
Prodotti che spaziano dalla carne al pesce, dai formaggi alla pasta fatta in casa, dai vini ai liquori sono solo alcuni dei beni tipici di quest’isola. La gastronomia sarda è variegata e ricca di sapori come lo sono i suoi paesaggi e le sue città, si affiancano molto spesso sapori di mare con piatti preparati direttamente dai pescatori al porto con la pesca del giorno, ad altri piatti con aromi e gusti propri della flora dell’isola, come ad esempio carciofi, pomodori e melanzane.

Malloreddus

L’area di Cagliari nell’ambito della gastronomia e della cucina occupa sicuramente un posto in prima fila per il settore mare, ma si caratterizza anche per altri piatti tipici della tradizione sarda genovese e catalana quali: i “malloreddus” tipici gnocchietti fatti a mano, le “impanadas” calzoni farciti con carne e verdure, “sa casola” una gustosa zuppa di pesce, “su mazzamarru” pane raffermo con sugo di pomodoro e la “sa fregola” tipica pasta sarda ottima servita con le vongole (fregula con cucciula).

 

La “fregola” è una pasta secca di semola di grano duro lavorata a mano e ridotta in piccoli grumi molto simile al cous-cous e viene utilizzata per primi piatti o minestre. Il nome viene dal latino “frisare” che significa “sminuzzare”.

Pane Carasau

Tipico della cucina sarda è poi il “pane carasau” o “carta musica” tipico per la sua croccantezza e fragilità, era ed è il tipico alimento dei pastori sardi che dovendo stare isolati nelle campagne per lunghi periodi e come allora anche oggi hanno bisogno di un alimento facilmente trasportabile e di poco peso e volume.

Un altro protagonista della cucina sarda è sicuramente il formaggio e da citare per la sua notorietà e bontà è il “pecorino sardo”, simbolo della tradizione casearia sarda, le sue prime testimonianze risalgono al 700. Questo formaggio è a base di latte di pecora e viene prodotto in due diverse stagionature: la più breve 20/60 giorni dà un pecorino dolce dal sapore più dolce e delicato dal colore bianco-giallognolo, la seconda più lunga dà invece un pecorino maturo dal gusto deciso e anche un po’ piccante edal colore giallo paglierino e dalla struttura più compatta.
I formaggi ovini sardi sono ottenuti dal latte di una razza autoctona di pecora le cui origini sono antichissime: la pecora sarda che ha come caratteristica una elevata produzione di latte, fino a 300 litri l’anno.
La Sardegna mantiene le caratteristiche della sua insularità anche e soprattutto nelle sue produzioni gastronomiche e vitivinicole, legate ad un lontano passato che via via sta scomparendo quello dell’agro-pastorale.La cultura culinaria sarda è semplice ed originale allo stesso tempo, cosi particolare e diversificata grazie ai contatti e ai rapporti esterni con culture, popoli e tradizioni diverse all’interno del mediterraneo. Alla base di questa cucina c’è una mancanza di pietanze altamente elaborate e raffinate, schiettezza e genuinità nei sapori e negli odori con naturalezza e freschezza in tutti i prodotti utilizzati.Prodotti che spaziano dalla carne al pesce, dai formaggi alla pasta fatta in casa, dai vini ai liquori sono solo alcuni dei beni tipici di quest’isola. La gastronomia sarda è variegata e ricca di sapori come lo sono i suoi paesaggi e le sue città, si affiancano molto spesso sapori di mare con piatti preparati direttamente dai pescatori al porto con la pesca del giorno, ad altri piatti con aromi e gusti propri della flora dell’isola, come ad esempio carciofi, pomodori e melanzane.

Empanadas

L’area di Cagliari nell’ambito della gastronomia e della cucina occupa sicuramente un posto in prima fila per il settore mare, ma si caratterizza anche per altri piatti tipici della tradizione sarda genovese e catalana quali: i “malloreddus” tipici gnocchietti fatti a mano, le “impanadas” (o empanadas) calzoni farciti con carne e verdure, “sa casola” una gustosa zuppa di pesce, “su mazzamarru” pane rafermo con sugo di pomodoro e la “sa fregola” tipica pasta sarda ottima servita con le vongole (fregula con cucciula).

La “fregola” è una pasta secca di semola di grano duro lavorata a mano e ridotta in piccoli grumi molto simile al cous-cous e viene utilizzata per primi piatti o minestre. Il nome viene dal latino “frisare” che significa “sminuzzare”.

Tipico della cucina sarda è poi il “pane caresau” o “carta musica” tipico per la sua croccantezza e fragilità, era ed è il tipico alimento dei pastori sardi che dovendo stare isolati nelle campagne per lunghi periodi e come allora anche oggi hanno bisogno di un alimento facilmente trasportabile e di poco peso e volume.

Un altro protagonista della cucina sarda è sicuramente il formaggio e da citare per la sua notorietà e bontà è il “pecorino sardo”, simbolo della tradizione casearia sarda, le sue prime testimonianze risalgono al 700. Questo formaggio è a base di latte di pecora e viene prodotto in due diverse stagionature: la più breve 20/60 giorni dà un pecorino dolce dal sapore più dolce e delicato dal colore bianco-giallognolo, la seconda più lunga dà invece un pecorino maturo dal gusto deciso e anche un po’ piccante edal colore giallo paglierino e dalla struttura più compatta.

I formaggi ovini sardi sono ottenuti dal latte di una razza autoctona di pecora le cui origini sono antichissime: la pecora sarda che ha come caratteristica una elevata produzione di latte, fino a 300 litri l’anno.

Annunci

Informazioni su giuseppe COCCO - Fotografo Artista Docente di Fotografia digitale, lettura dell'immagine e storia della fotografia 2.0

Nato a Roma nel 1957, m° Fotografo artista documentarista dal 1977, oggi Artista Fotografo e Pittore Digitale 2.0, con le mie opere narro l'Italia, grande giardino emozionale diffuso, eccellenze, bellezza, identità territoriali materiali e immateriali, genius loci. Docente all'Accademia di Belle Arti di Fotografia digitale, lettura dell'immagine e Storia della Fotografia.

Un Commento

  1. L’Italia è un luogo unico nel mondo. Esistono luoghi e destinazioni magiche e che almeno una volta nella vita vale la pena di visitare. La Sardegna è uno di questi!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: